L’olio di pesce protegge contro il cancro al seno

capsule di cancro al seno

Il cancro al seno è uno dei tumori più comuni tra le donne. Ci sono molti fattori che contribuiscono allo sviluppo di questa terribile malattia e la dieta è molto importante. Cambiamenti nella dieta possono fare molto per prevenire, e talvolta anche il trattamento del cancro al seno. Omega-3 acidi grassi - trovati in alcuni pesci d'acqua dolce e la vita marina - possono svolgere un ruolo importante. Studi scientifici indicano che il consumo regolare può ridurre il rischio di cancro al seno fino al 14% di mangiare due porzioni di pesce grasso alla settimana.

La ricerca sulla dieta e cancro al seno

Un gruppo di scienziati cinesi a confronto i dati provenienti da diversi studi pubblicati in precedenza che cercano l'associazione tra consumo di pesce e omega-3 polinsaturi (noto anche come n-3 PUFA) e il rischio di cancro al seno. 26 pubblicazioni che esaminano 20,905 casi di cancro al seno tra 883,585 partecipanti sono stati inclusi nella meta-analisi. I risultati sono stati pubblicati nel 2013 sul British Medical Journal (BMJ).

Il cancro al seno

I ricercatori hanno concluso che un elevato consumo di acidi grassi omega-3 nel pesce abbassato il rischio di cancro al seno nella popolazione in studio. I partecipanti sono stati prendendo una combinazione di EPA (acido eicosapentaenoico) e DHA (acido docosaesaenoico), un tipo importante di entrambi omega-3. Per 100 milligrammi di omega-3 al giorno, il rischio è stato ridotto del 5%. Il rischio può essere ridotto al 14%, che evidenzia una riduzione significativa attribuita ad uno specifico abitudini alimentari.

Lo studio fornisce il supporto per l'uso di alta qualità olio di pesce per le donne che vogliono ridurre il loro rischio di cancro al seno.

Che cosa si dovrebbe mangiare?

C'è un gran parlare di grassi omega-3 e omega-6. Ma il mondo degli acidi grassi è complicato. E quando si tenta di stabilire qual è il modo migliore per soddisfare le vostre esigenze quotidiane, le cose possono essere ancora più complicato. Quindi, ecco un breve riassunto del tema che potrebbe aiutare a chiarire le cose un po '.

grassi polinsaturi omega-3 e omega-6 (catena lunga) sono considerati essenziali per il funzionamento del corpo. Costruiscono le cellule e sostenere il cervello e il sistema nervoso. Poiché il corpo non può produrre, è necessario essere fornito con il cibo o in alternativa come integratori. Tuttavia, certe cose devono essere prese in considerazione quando si lavora fuori la vostra dieta migliore prevenzione del cancro:

Non smettere di leggere: Ricetta per un dente di leone limonata rinfrescante

La proporzione di omega-6 e omega-3

1 di omega-6 e omega-3: essere sani, è necessario un 1. Oggi, il rapporto è 15: 1 in favore di acidi grassi omega-6. Il problema è che l'eccesso di omega-6 e non abbastanza omega-3 può farti star male. Gli acidi grassi omega-6 sono pro-infiammatorie, e omega-3 sono antinfiammatori, in modo che quando l'equilibrio è alterato, diverse malattie croniche possono sviluppare, tra cui il cancro, malattie cardiache e malattie autoimmuni.

La gente nel mondo sviluppato sono spesso carenti di acidi grassi omega-3. Noi consumiamo troppe fonti di acidi grassi omega-6 (Altri oli vegetali trasformati, olio esempio soia, olio di cartamo, olio di girasole e olio di mais), ignorando pesce ricco di omega-3. Pertanto, la prima cosa da fare è quello di ridurre l'assunzione di omega-6.

Fonti di omega-3

L'omega-3 può essere ottenuto da varie piante e pesci di acqua fredda e la vita marina. Purtroppo per vegetariani e vegani, i pesci sono una fonte superiore di acidi grassi omega-3.

pesci grassi contengono sia EPA (acido eicosapentaenoico) e DHA (acido docosaesaenoico). DHA è molto importante per voi ed è stato accreditato per portare i benefici di omega-3.

Quando fonti vegetali come olio di lino, semi di chia e noci, contenere solo ALA (acido alfa-linolenico), che sono più corti catena è l'omega-3. In determinate circostanze, l'ALA può essere convertito in un altro acido grasoomega-3, ma la conversione è povero e diventa ancora più difficile nelle persone che già sono carenti di determinate sostanze nutritive.

Inoltre, nello studio di cui sopra, abbiamo trovato alcuna associazione tra ALA e riduzione del rischio di cancro.

Le migliori fonti di omega-3 per la prevenzione del cancro al seno

I seguenti pesci sono una buona fonte di acidi grassi omega-3:

  • salmone selvatico
  • sgombro
  • sardine
  • acciughe

Non smettere di leggere: Come fare salsa di mele

Quanto pesce dovrebbe essere mangiato

Se siete in buona salute e si sta cercando di mantenere la vostra salute, Chris Kresser, un'autorità nel campo della nutrizione e medicina integrativa raccomanda di mangiare 6 once (180 grammi) porzioni di pesce grasso da 2 a 3 volte a settimana. Mangiare pesce forniranno abbastanza EPA e DHA, e anche fornire proteine, selenio e vitamina D.

Salmon Il cancro al seno

Se sei già affetti da una malattia cronica, potrebbe essere necessario utilizzare integratori insieme al pesce intero. Kresser suggerisce di prendere 1 grammo di alta qualità di olio di pesce al giorno in combinazione con mangiare pesce 2 o 3 volte a settimana. Questo farà sì che ricevono una dose terapeutica di DHA, che è di 1,5 grammi al giorno.

Una porzione di dimensioni normali filetto di salmone contiene fino a 3 grammi di EPA / DHA (a seconda del periodo dell'anno, come si è preparato e da dove proviene).

¿L'olio di pesce o pesce?

Questo è un dilemma per molti e diversi autori hanno opinioni diverse sull'argomento. Già è citato il parere di Chris Kresser, che sostiene l'uso di capsule di olio di pesce solo per determinati gruppi di persone.

I risultati delle analisi pubblicata nel BMJ, però, hanno favorito l'olio di pesce quando si trattava di prevenzione del tumore al seno.

integratori Buyer, assicurarsi che essi contengono EPA e DHA. Per migliorare l'assorbimento di olio di pesce, è necessario prendere le capsule con un pasto ricco di grassi. Ad esempio, se si prende il supplemento con olio d'oliva, il corpo sarà in grado di utilizzare molto meglio rispetto a quando assunto da solo.

In conclusione, e secondo la letteratura corrente, se si vuole ridurre il rischio di cancro al seno (e alcuni altri tipi di tumore, anche), è necessario:

  1. Includi pesci grassi nel vostro menu di 2 o 3 volte a settimana.
  2. Limitare il consumo di omega-6.
  3. Prendere in considerazione un integratore di olio di pesce di alta qualità.

La ricerca e la scrittura della vita Lucid


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 76 = 86